Get Adobe Flash player
Iscriviti
Tag
 
novembre: 2017
L M M G V S D
« set    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Imrich (Sde Or) Lichtenfeld muore il 9 Gennaio del 1998 all’età di 87 anni ed il Krav Maga sta continuando a diffondersi in tutto il mondo senza fare distinzioni di razza, sesso e classe sociale.PRINCIPI DI IMRICH LICHTENFELD 1° – Prevenzione, evitare individui sospetti per la strada, nei locali e averli troppo vicino. 2° – Movimenti naturali, eseguire i movimenti naturali del corpo, mai forzati o prestabiliti. 3° – La distanza, cercare di difendersi e/o attaccare usando la distanza ravvicinata. 4° – Scoraggiare, tentare di scoraggiare l’avversario verbalmente. 5° – Le zone, attaccare le zone più vulnerabili del corpo umano (occhi, gola, organi genitali) 6° – Oggetti, utilizzare qualsiasi oggetto per difendersi. 7° – Niente è proibito, nel momento della colluttazione utilizzare tutte le tecniche, tutti gli attacchi, nulla è proibito. I PRESUPPOSTI DEL KRAV MAGA Come sottolineato dal suo fondatore Imi Sde-Or, i presupposti del Krav Maga sono:  1• “ Non fatevi male ”: che significa arrivare ad un alto livello di competenza nell’autodifesa. Comunque, se vi fate male, dovete sapere come sostenere l’attacco (calci, colpi, ecc.) e come agire correttamente nelle nuove condizioni che si sono create.  2• “ Siate modesti ”: non vantatevi delle vostre capacità ed evitate i conflitti non necessari. Dominate il vostro ego e controllate il vostro stato mentale, in modo che non vi tradiscano durante un confronto. Siate pronti ad accettare le critiche e gli insegnamenti delle altre persone.  3• “ Agite correttamente ”: fate la cosa giusta, nel posto giusto, al momento giusto. Il vostro stato fisico e mentale danno indicazione alle vostre abilità per gestire un confronto fisico. Utilizzate appieno le vostre capacità, approfittate al massimo degli elementi e delle condizioni che prevalgono nel luogo dove vi trovate, in modo da affrontare la situazione efficacemente.  4• “ Diventate esperti, così non dovrete uccidere ”: il praticante esperto di Krav Maga non ha bisogno di infliggere danni fisici non necessari ai propri avversari ed è capace di terminare il confronto fisico in breve tempo ed in maniera efficace. Abbiate rispetto delle altre persone, anche durante un incontro pericoloso. D’altro canto, date retta al vecchio adagio: “ se qualcuno viene ad uccidervi, uccidetelo per primi ”, con riferimento alla situazione in cui non avete altra scelta, perché si tratta della scelta tra “ voi o lui”. E’ anche essenziale affinare la propria abilità nel riconoscere il livello di gravità di un possibile attacco. Ciò è particolarmente importante per i giovani, ai quali debbono essere insegnati i valori dell’autocontrollo e della necessità di evitare la violenza, ma che, allo stesso tempo, debbono acquisire la capacità di difendersi efficacemente.  Questo atteggiamento significa: per prima cosa, cercate di evitare il confronto, ma, se siete aggrediti, rispondete con un livello appropriato di forza sufficiente a neutralizzare la minaccia ed a togliervi dalla situazione di pericolo.
PRINCIPI GUIDA PER LE TECNICHE DI KRAV MAGA • Evitate i danni fisici ! Calcolate attentamente i rischi di ogni specifica azione ed evitate il pericolo, se possibile. Le vostre azioni dovrebbero essere principalmente basate sull’autodifesa; il Krav Maga pone fortemente l’accento sull’uso delle tecniche di difesa .
• Le tecniche del Krav Maga sono state sviluppate come ampliamento dei riflessi naturali del corpo . Queste risposte naturali sono state successivamente perfezionate, affinate ed indirizzate  ad andare incontro alle esigenze di chi si deve difendere in una data situazione.  • Difendetevi e contrattaccate nel modo più veloce e diretto possibile , da qualsiasi posizione di partenza, prendendo in  considerazione la sicurezza e l’opportunità della vostra azione.  • Rispondete correttamente, secondo e come richiesto dalle circostanze , valutando attentamente la natura della vostra risposta e la forza dell’attacco (allo scopo di evitare danni fisici non necessari).  • Colpite correttamente in qualsiasi punto vulnerabile , nel modo necessario per prevalere sull’aggressore.  • Utilizzate qualsiasi attrezzo od oggetto disponibile nelle vicinanze per la difesa ed il contrattacco.  • Nel Krav Maga non ci sono regole , limitazioni tecniche o di correttezza sportiva.  • Il principio che costituisce il fondamento dell’addestramento : l’avanzamento da capacità limitate a capacità più ampie     (che includano “l’allenamento mentale”) e da un singola tecnica specifica ad un’azione improvvisata, secondo le dinamiche della situazione. SEMPLICITA, il KRAV MAGA si basa su movimenti semplici e movimenti naturali. Sono quelli che funzionano meglio in un combattimento reale, a differenza dei movimenti pre-ordinati che non hanno naturalezza. VELOCITA, La velocità di reazione determina l’efficacia della tecnica, perciò è basilare esercitarsi sulla velocità di reazione con una risposta veloce ed esplosiva.EFFICACIA,Il KRAV MAGA è nato in un contesto difficile, dove era di vitale importanza che le tecniche fossero efficaci.Quando osserviamo una tecnica sia questa attacco o difesa, il nostro compito è di valutarla con spirito critico. Questo perché insegniamo a gestire situazioni reali, non competizioni normate da regolamenti. L’efficacia della tecnica e la sicurezza di chi si difende debbono essere dunque essenziali.Il Krav Maga non è uno sport da combattimento o un’arte marziale classica e sviluppa lo studio, all’interno del metodo d’autodifesa, di due situazioni:- DIFESA PERSONALE – COMBATTIMENTO CORPO A CORPO ,Differenze fra difesa personale e combattimento corpo a corpo:Nella difesa personale le tecniche sono e semplici e prevedono sempre un contrattacco Nella difesa personale non esiste scelta, sono costretto a difendermi. Nel combattimento esistono situazioni più complesse dove entrano in gioco fattori diversi, la tattica, la strategia e la durata prolungata .Nel combattimento generalmente esiste la possibilità di scegliere se combattere o ritirarsi .

Pagine: 1 2 3